Vacanze in agriturismo in Alto Adige
Deutsch
Ricerca veloce aziende
  
Masi in Alto Adige:

Newsletter

E-Mail

Previsioni meteo

18.10
19.10
20.10

Part. IVA IT02365710215
Cookie

Maso.eu > Regioni turistiche dell'Alto Adige > Valle Aurina e Tures > Storia

La storia delle Valli di Tures ed Aurina

Miniera a Predoi Anche se in Valle Aurina c'è un reperto accertato, un luogo di sosta di cacciatori presso il Passo Gola, risalente al periodo mesolitico, dunque agli anni 8000 – 6000 a.C. circa, tuttavia non sono rilevabili attestazioni di insediamenti precedenti.
Nella media età del bronzo inizia, a partire dal bacino di Brunico, il popolamento della Valle Aurina. Scarsi sono tuttavia i reperti anche di questo periodo e non può essere dimostrato se in regione già allora fosse praticata l'estrazione mineraria. Un campo con tombe ad urna a Molino di Tures risale al periodo tra il 50 e il 200 d.C.

Nel 1048 la valle viene menzionata in un documento con il nome „Aurina“. Nel medioevo le Valli di Tures ed Aurina furono dominate da due reggenti, precisamente dai Signori di Tures e dal convento di Castel Badia. I primi erano in possesso di alcune proprietà già dal 13esimo secolo ed esercitavano la giurisdizione. Nel 13esimo secolo si fecero anche costruire il loro castello di famiglia, il Castello di Tures, sopra il paese di Campo Tures. Dopo l'estinzione dei nobili di Tures le loro proprietà passarono ai principi regnanti del Tirolo. Il possesso del convento di Castel Badia, che possedeva una corte di circa 100 masi contadini a Selva dei Molini – Rio Bianco, viene citato per la prima volta nel 1296.

I primi giacimenti di rame sono stati scoperti a Predoi intorno al 1400. L'estrazione è documentata dal 1426. La miniera in Valle Aurina era un'importante fonte di guadagno.
Grandi disordini contadini, rivolti sia contro la chiesa che contro il potere temporale, ci furono intorno al 1523. Nel 1636 Tures fu devastata dalla peste, fu costruito un proprio cimitero per la peste, che tuttavia fu spazzato via nel 1757 da un'alluvione.

Quando l'estrazione cominciò a diminuire, nel 1893 a Predoi cessò completamente, con il lavoro al tombolo si sviluppò una nuova fonte di guadagno. 300 persone nel 18esimo secolo, 500 persone nel 19esimo erano occupate in questo settore. Nel 1891 fu fondata una scuola per il lavoro al tombolo che solamente nel 1965 fu chiusa.

In seguito si è sviluppato il turismo nelle Valli di Tures ed Aurina. Nel 1908 fu costruita la prima linea telefonica in Valle Aurina, nuove professioni, come quella della guida alpina, emersero. Lo sviluppo del turismo si fermò per breve tempo a causa dell'inizio della Prima Guerra Mondiale. Solamente dopo il 1945 è ripreso.

Aziende top

Großplonerhof ****
Luson

Unterhauserhof **
Valdaora
Rainerhof ***
Villabassa

Video: contadini in Alto Adige


 
  Cliccate qui per vedere il film sui contadini in Alto Adige

Sitemap

Contatto / editoria

Direttiva privacy

Lavoro minerario, lavoro al tombolo, turismo – le Valli di Tures ed Aurina nella loro storia hanno sempre avuto importanti fonti di guadagno.